News

Tutto quello che ti sei chiesto, e molto di più, sulla famosa macchina elettromedicale.

Aerosol - Basse vie respiratorie

Il tratto respiratorio inferiore comprende le parti sotto la faringe: dai polmoni fino alle mucose bronchiali e agli alveoli polmonari. Questo segmento è soggetto ad infiammazioni ed infezioni che possono essere semplicemente curate con l’ausilio della aerosolterapia. Una metodologia che ha un ruolo fondamentale non solo nella somministrazione di farmaci, ma anche nella prevenzione delle patologie.
Le infezioni delle basse vie respiratorie sono patologie molto frequenti, compaiono spesso in soggetti con patologie respiratorie croniche come l’asma.

Flaem è specializzata nell’ambito dell’aerosolterapia, un trattamento adatto anche per i bambini, che permette la somministrazione di farmaci nebulizzati direttamente nelle vie respiratorie per contrastare diverse patologie.
Gli apparecchi Flaem sono rigorosamente Made in Italy e comprendono numerosi modelli di aerosol per il trattamento delle alte e delle basse vie respiratorie, oltre ad un’ampia gamma di soluzioni innovative per tutta la famiglia.

Aerosol - Basse vie respiratorie

Aerosol

L’aerosol è solitamente composto da un compressore d’aria, la macchina che emette vapore, un tubo dell’aria, un ampolla dove va inserito il farmaco e diverse mascherine e boccagli, che cambiano a seconda del modello. Assemblarlo è molto semplice, basta collegare il tubo al compressore, l’ampolla al tubo e scegliere la maschera o il boccaglio giusto per inalare il vapore. Il medicinale che verrà poi nebulizzato va inserito all’interno dell’ampolla.

Gli accessori dell’aerosol vanno scelti in base al disturbo che deve essere trattato, va anche considerata l’età di chi userà il macchinario, il boccaglio va usato solo dagli adulti perché va retto con le mani e non è adatto ai bambini, per loro è meglio utilizzare la mascherina. Dopo averlo usato l’aerosol va accuratamente lavato per evitare che nell’utilizzo successivo vengano propagati germi e batteri nelle vie respiratorie. L’apparecchio va smontato e poi i componenti vanno lavati utilizzando un detergente non abrasivo, una volta risciacquati vanno asciugati con cura, meglio utilizzare un panno in microfibra perché non lascia residui.

L’aerosol è usato principalmente per curare i problemi alle vie respiratorie, permette la somministrazione aerea dei farmaci per curare o prevenire le malattie a carico dell’apparato respiratorio. E’ uno degli strumenti più utilizzati per curare asma, tosse e le infiammazioni che interessano l’apparato respiratorio dell’organismo. L’aerosolterapia è molto efficace perché il farmaco viene ridotto in particelle molto piccole così da raggiungere con maggiore facilità tutte le zone delle vie respiratorie.

Ci sono diversi tipi di aerosol, prima di comprarne uno è meglio valutare con cura quello di cui abbiamo bisogno per comprare quello più adatto alle nostre esigenze. Esistono tre diverse categorie: quello pneumatico che ha un compressore che utilizza l’aria presente nell’ambiente e la spinge all’interno dell’ampolla; quello a ultrasuoni che disintegra il medicinale grazie ad un’onda d’urto, questo sistema è veloce e silenzioso. L’ultima tipologia viene chiamata Mesh, grazie ad un setaccio che “frantuma” il medicinale attraverso un’onda d’urto, sospinge le molecole che si creano verso le vie respiratorie, in modo tale che il medicinale possa essere facilmente inalato, anche quello cortisonico.

Tutti i prodotti che Flaem produce e vende sono caratterizzati dal marchio made in italy, sono realizzati rispettando le normative che ne regolano le caratteristiche. Gli articoli fabbricati non direttamente nell’azienda che vengono distribuiti da Flaem devono superare rigidi controlli per essere commercializzati nella nostra azienda.

Aerosol: macchina elettromedicale

Benefici dell’aerosolterapia

L'aerosolterapia è una tecnica di somministrazione dei farmaci, usata soprattutto per la cura o la prevenzione di malattie da raffreddamento, infiammazioni ed infezioni delle vie aeree. Questa tecnica ha bisogno di un dispositivo che riduca le sostanze terapeutiche in microscopici corpuscoli, così da riuscire a raggiungere con facilità le mucose di naso, laringe, trachea, bronchi e polmoni.

La somministrazione di un farmaco per inalazione permette un’efficacia terapeutica elevata perché grazie ad essa si possono raggiungere diversi scopi: si umidificano le vie aeree, si rendono maggiormente liquide le secrezioni tracheo-bronchiali consentendone una più semplice espulsione, si diminuiscono i broncospasmi e si riduce l’edema delle mucose respiratorie.
Con l’aerosolterapia si possono utilizzare diverse tipologie di farmaci, consente di vaporizzare in un’unica miscela diversi farmaci, permette di propinare il farmaco direttamente sulle zone interessate e permette di personalizzare il dosaggio e la concentrazione dei principi attivi.

L’aerosolterapia è molto indicata per i bambini per curare le infiammazioni alle basse vie aeree, anche se ai bambini questa terapia non piace molto a causa del rumore e per la lunga durata. Ci sono diversi tipi di aerosol tra i quali scegliere quello più adatto al bambino e sono aerosol pneumatici, sono però molto rumorosi e la terapia è lunga; a ultrasuoni molto meno rumorosi e più veloci. Gli aerosol a tecnologia VibMesh sono silenziosi e veloci, adatti a qualsiasi terapia.

Il dispositivo per l'aerosolterapia è chiamato nebulizzatore, trasforma il farmaco gocce molto fini, il liquido viene disperso da un diffusore, che ne consente la veicolazione attraverso l'albero respiratorio. L'aerosolterapia consente di ottenere un'azione locale mirata, senza coinvolgere l'organismo a livello sistemico. Viene utilizzata per curare rinite, sinusite, tonsilliti, raffreddore, bronchite, polmonite, broncopolmonite, polmoniti e faringiti. I nebulizzatori sono apparecchi per aerosolterapia più facili da usare, permettono di inalare il farmaco respirando normalmente.Il farmaco viene introdotto in un'ampolla di aerosolizzazione, che può essere di vetro o plastica, secondo dosi stabilite e prescritte dal medico.

Benefici dell’aerosolterapia

Malattie delle vie aeree

Le vie aeree sono simili ai rami di un albero, sempre più piccoli man mano che si diramano, servono a veicolare l’aria che respiriamo dentro i polmoni. In condizioni di normalità l’aria entra nelle vie aeree e arriva agli alveoli polmonari. Negli alveoli polmonari il sangue si carica di ossigeno contenuto nell’aria inspirata e si libera dell’anidride carbonica che viene eliminata con l’espirazione successiva.
L’apparato respiratorio venendo a contatto con l’aria dell’ambiente che contiene patogeni di diversa natura, può andare incontro a malattia.

Ci sono diverse tipologie di malattie che possono interessare le vie aeree. L’asma è una malattia infiammatoria cronica delle vie aeree che determina una infiammazione cronica dei bronchi. Causa ripetuti episodi di dispnea caratterizzati da un respiro sibilante e un senso di costrizione toracica, accompagnati da tosse. L’asma può causare l’infiammazione delle pareti delle vie aeree e renderle ispessite ed edematose,ostacolando il passaggio dell’aria.
La bronchite acuta è un’infiammazione della trachea e delle vie aeree, solitamente è causata da infezioni virali. Anche l’esposizione a irritanti come il fumo, smog, particelle di polvere e vapori può infiammare la trachea e i bronchi causando sintomi simili a quelli della bronchite acuta. L’enfisema è caratterizzato da una progressiva distruzione degli alveoli polmonari che rappresentano la sede dove avvengono gli scambi gassosi tra il sangue e l’aria che respiriamo. Nell’enfisema la distruzione degli alveoli comporta una riduzione della superficie polmonare adibita agli scambi gassosi, quindi il sangue si impoverisce di ossigeno, mentre aumenta il livello di anidride carbonica trasportata nel sangue.
La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una malattia delle vie respiratorie che provoca una parziale ostruzione delle vie aeree, cioè una riduzione persistente del flusso aereo.

Nelle malattie delle alte vie aeree sono utili irrigazioni e docce nasali perché permettono il ripristino delle normali funzioni della mucosa nasale. Nelle malattie delle basse vie respiratorie l’aerosolterapia è il trattamento ideale, permette l’efficace nebulizzazione di farmaci in soluzione o in sospensione, intervenendo a livello locale.

Malattie delle vie aeree

Meglio l'aerosol o i suffumigi?

Sia l’aerosol che i fumenti utilizzano il vapore per curare le infezioni delle vie respiratorie, ma non sono la stessa cosa. Il primo nebulizza i farmaci per fare effetto, il secondo è il cosiddetto rimedio della nonna, detto anche suffumigi.
Come sappiamo l’aerosol permette la somministrazione aerea dei farmaci per curare o prevenire le malattie a carico dell’apparato respiratorio. L’aerosolterapia è molto efficace perché il farmaco viene ridotto in particelle molto piccole e raggiunge con molta facilità tutte le zone delle vie respiratorie.

I suffumigi sono una tecnica che veniva utilizzata dai nostri nonni quando ancora non esistevano gli aerosol, consistono nel mettere la testa sopra sopra ad una pentola o ad un recipiente con acqua calda e un misto di erbe, ad esempio camomilla, eucalipto e menta e per un effetto maggiore si può aggiungere un’ essenza balsamica che aiuta ad aprire le vie nasali e a respirare meglio. Perché i fumenti facciano un migliore effetto è necessario farli sotto un asciugamano per respirare meglio i vapori balsamici e decongestionanti. Si utilizzano soprattutto per decongestionare e portare beneficio alle vie aeree superiori:gola, trachea, setti nasali, corde vocali,eliminando fastidiose secchezze, catarro, disturbi dovuti a virus, batteri, allergie e alleviando raffreddori, laringiti, faringiti, riniti, malattie bronchiali, tosse e sinusiti persistenti.

Sia l’aerosol che i suffumigi sono molto utilizzati per curare le infezioni delle vie respiratorie superiori, è difficile dire quale metodo sia migliore o più efficace. Si possono usare entrambi, con la differenza che per l’aerosol bisogna seguire le indicazioni date dal medico, senza eccedere con le dosi del farmaco e senza fare trattamenti in più che non sono necessari. Per quanto riguarda i suffumigi non ci sono restrizioni, possono essere fatti quando si vuole e per tutto il tempo necessario perché si utilizzano solo erbe naturali e la loro inalazione fa bene al corpo e aiuta a liberare le vie nasali e respirare meglio.

Aerosol o suffumigi?